Swiss Life abbassa le aliquote di conversione a decorrere dall'1.01.2022

Pension Fund Services 20.12.2021


Il contesto di tassi bassi continua a pesare sulle rendite della previdenza professionale. Inoltre, gli istituti di previdenza sono nell’occhio del ciclone a causa delle perdite sulle loro prestazioni pensionistiche. Il rischio della longevità provoca costi che andranno a carico delle generazioni future. Swiss Life riduce le aliquote di conversione nell’assicurazione completa negli anni a venire, al fine di contrastare questo problema. Le rendite già erogate non ne sono interessate.

  • A decorrere dal 1° gennaio 2022 l’aliquota di conversione per la parte obbligatoria dell’avere di vecchiaia per le donne (età 64) e per gli uomini (età 65) viene abbassata dall’attuale 6,8 percento al 6,5 percento e dal 2023 ammonterà al 6,2 percento.
  • Nella parte sovraobbligatoria dell’avere di vecchiaia l’aliquota di conversione delle donne sarà ridotta dal 5,00 al 4,76 e quindi al 4,54 percento dal 2023. Nel caso degli uomini i tassi d’interesse scendono dal 4,95 percento a 4,71 e al 4,49 percento entro il 2023. Non è interessata dalla riduzione dell’aliquota di conversione per la parte obbligatoria dell’avere di vecchiaia la Fondazione per la previdenza LPP di Physioswiss.

 

Lo status quo vale fino alla scadenza dell’attuale contratto, ovvero fino al 31.12.2023. Questo significa che l’aliquota di conversione del 6,80 percento vale fino alla fine del 2023. La riduzione summenzionata dell’aliquota di conversione sovraobbligatoria vale dall’1.1.2022.

Le prestazioni minime determinanti previste per legge secondo la LPP vengono rispettate in qualsiasi momento. Swiss Life conferma che l’assicurazione completa viene richiesta molto dalle PMI e che in futuro dovrà continuare a essere offerta. Una stabilizzazione sostenibile della previdenza professionale è da molto tempo nell’agenda politica. Un adeguamento dell’aliquota di conversione al 6 percento, come previsto nell’attuale messaggio del Consiglio federale sulla riforma della LPP, è fortemente raccomandato in considerazione dell’andamento demografico e del contesto di tassi bassi.

Adrian Wernli

Amministratore Fondazione per la previdenza LPP di Physioswiss